CASA DELLA BUONA SORTE: LA LEGGENDA

La leggenda narra che un ricco proprietario terriero dell’800, il Conte Marenzi di Bergamo, durante uno dei suoi viaggi si fosse fermato in Franciacorta per la notte. Il giorno stava volgendo al termine e la cima del Monte Guglielmo già si stava colorando d’arancione. Il Conte, ancora in sella al suo cavallo, rimase ammaliato: vide le vette all’orizzonte, imponenti e superbe, e scorse il lago che, più in basso, sembrava riflettere un frammento d’infinito, il blu intenso incastonato tra le rocce. Il Conte, ormai conquistato, chiamò il suo fedele servitore e, indicando un punto nel terreno, gli disse: “Pianta un palo, qui costruirò la mia casa”.

Quando la residenza fu pronta, il Conte e la Contessa cominciarono a trascorrervi dei piacevoli soggiorni; e fu in uno di questi periodi che accadde un fatto straordinario. Da anni desideravano entrambi un figlio, ma la sorte sembrava avversa ed ormai avevano quasi perso la speranza. Eppure nella nuova casa il desiderio si esaudì: nove mesi più tardi, la Contessa diede alla luce una splendida bambina.

Gli anni corsero via veloci; e sebbene tutto andasse per il meglio, di tanto in tanto il Conte si rammaricava per non aver avuto un erede maschio. Un giorno lui e la contessa decisero di riprovarci: i medici erano di parere sfavorevole, ma loro erano convinti che in Franciacorta ci sarebbero riusciti. E non si sa come possa essere successo, ma accadde: tra quelle mura, le stesse in cui aveva dato alla luce la bambina, la donna rimase di nuovo in attesa. Nove mesi più tardi nacque il tanto desiderato figlio maschio.

Oggi è difficile dire se questa sia una storia vera o solo un suggestivo racconto popolare. Ma una cosa è certa:

la Casa della Buona Sorte potrà regalarvi emozioni indimenticabili.

 

PER INFORMAZIONI E RICHIESTE SU VENDITA E AFFITTO:

IT
EN IT